Cerca
  • STEEME COMUNICATION

USA vs TIKTOK: una questione di sicurezza o di potere?

Sono già molti mesi che, la battaglia dell’amministrazione Trump contro il social - made in China - Tik Tok continua.



Vi abbiamo già parlato di Tik Tok (inserire il link sulla parola Tik Tok dell’articolo) e del suo clamoroso successo in tutto il mondo, interrogandoci sul futuro dell’app che almeno per il momento in Italia sembra abbia perso un po’ della sua fama - grazie o a causa dell’inserimento di Reels sulla piattaforma di Instagram – ma questa è un’altra storia.


Oggi, vogliamo interrogarci sulla questione che ha portato la presidenza americana a bandire l’utilizzo del social cinese su tutto il territorio nazionale.


A quanto pare, la preoccupazione maggiore è destata dal fatto che Tik Tok, detenuta dal gruppo ByteDance, sia utilizzata dal governo cinese per controllare i cittadini americani, si tratterebbe, quindi, di una questione di sicurezza nazionale.


Durante i mesi estivi, l’amministrazione statunitense aveva annunciato che il social sarebbe stato bandito, in tutta la Nazione, a partire dal 20 settembre. A salvare in calcio d’angolo il social, la decisione di un giudice federale che ha temporaneamente bloccato la questione rimandandola al 12 novembre


Ciò è accaduto in quanto, si vuole dare la possibilità all’azienda americana Oracle di nazionalizzare la proprietà dell’applicazione, assicurandosi la proprietà di tutti i dati.


Trattativa ancora in corso perché la ByteDance vuole mantenere l’80% delle quote, percentuale a cui il governo americano non dirà facilmente sì.


Siamo di fronte ad una battaglia ancora aperta e tutta da combattere, ma più che uno scontro per salvaguardare la sicurezza dei cittadini sembra l’ennesima lotta di potere tra i due governi: quello cinese e quello americano.


Per sapere chi sarà il vincitore bisognerà attendere ancora qualche giorno, quello che ci auguriamo noi è che, in un modo o nell’altro, venga presa la scelta più giusta per garantire protezione ai cittadini: fino ad ora sembra solo l’ennesimo tentativo di supremazia.


3 visualizzazioni

STEEME COMUNICATION

Sede Legale:

Via Bertolotti 7, TORINO

steeme.to@gmail.com

PEC: steemesnc@pec.it

P.IVA 12357460018

C.F. 12357460018

PRIVACY POLICY

COOKIE POLICY

©2020 di Steeme Comunication